Nuovi mattini, ignoti futuri

Nuovi mattini, ignoti futuri

Mercoledì 13 dicembre - ore 20.45

Brescia - Teatro Sancarlino
 
Nuovi mattini, ignoti futuri
Dialogo con Marco Preti, Silvia Petroni, Michele Caminati, Edo Balotti
Conduce Claudio Inselvini
 
All'inizio degli anni '70, a Torino, Inizia a diffondersi tra i giovani scalatori un progressivo rifiuto della cultura ufficiale dell'alpinismo: nasce il Nuovo Mattino. La meta filosofica, quasi un credo, di tutto il pensare e l'agire in montagna diviene, per gli esponenti della corrente, la conquista senza sofferenza, di cui l'alpinista non ha più bisogno, avendo già composto dentro di sé tutte le tensioni necessarie a "lottare" contro la montagna. Nel 1983 Gian Piero Motti, anima del movimento, ne decreta però la fine, affermando che la pratica sportiva, con le sue regole, i suoi spit e la continua necessità di competizione ha ormai preso il sopravvento. Cosa è rimasto, o quali sono le evoluzioni di quella filosofia? Che ne è del pensiero legato a quella rivoluzione culturale?
 
In collaborazione con Gialdini Outdoor Equipment
 
Ingresso gratuito
 
Per scoprire tutti gli altri appuntamenti di Alture Festival 2017 clicca qui
Data: 13/12/2017 Ultima modifica: Mar, 05/12/2017 - 12:10